New Generation 09 Giugno 2021

Giovani, carini e cool: i brand indipendenti che (forse) non conosci

di Valeria Oppenheimer

 

Quali sono i designer del momento? Ve ne proponiamo quattro che stanno letteralmente conquistando fashionisti e stampa internazionale. 

 

FRANCESCO MURANO 

Classe '97, originario di Buccino (Salerno) e diplomato allo IED di Milano nel 2019 con la collezione “Ossimoro Plastico”, Francesco Murano è diventato famoso in tutto il mondo quando, a gennaio 2020, la cantante Beyonce è apparsa al Roc Nation's pre-Grammys brunch vestita con un suo abito. Con la stessa collezione il giovane designer ha vinto il Camera Nazionale della Moda Italiana Fashion Award durante la quinta edizione di Milano Moda Graduate e la 16esima edizione di Who is On Next?. Affascinato dall’arte e dall’armonia delle forme, per l'autunno/inverno 2022 Murano presenta una collezione che vede la donna come perno geometrico del mondo, 9 look in cui le forme statuarie d’ispirazione greca (già fulcro delle sue precedenti collezioni), vengono riattualizzate in una nuova armonia: quella rinascimentale, geometrica, leonardesca. Il cerchio, forma che coesiste con altre geometrie e domina nel gioco tra gli opposti, avvolge e valorizza la figura femminile attraverso i drappeggi e i movimenti che creano sul corpo. Anche gli accessori sono circolari, ma convivono con forme più squadrate, creando ulteriori contrasti. 

 

ALESSANDRO VIGILANTE

Non solo fashion designer ma danzatore professionista, Alessandro Vigilante propone un’estetica in cui la moda si intreccia con la danza. Diplomato allo IED di Milano nei primi anni 2000 e vincitore di due concorsi My Own Way e My Own Show patrocinati da Vogue Italia, viene selezionato da Franca Sozzani assieme ad alcuni talenti emergenti per una sfilata di debutto nel calendario della MFW. Per 7 anni il designer lavora da Dolce & Gabbana, poi a Roma, da Gucci, al fianco di Alessandro Michele e infine a Milano con il progetto Philosophy di Lorenzo Serafini. Dall’esigenza di dedicarsi a un progetto personale nasce ATTO I, la collezione di lancio del brand omonimo dello stilista. I capi esaltano il corpo in movimento attraverso il contrasto tra maschile e femminile, sartorialità e sperimentazione, linee grafiche e curve sensuali. Le forme più classiche diventano contemporanee grazie ad accostamenti imprevedibili tra tessuti naturali, lane maschili e georgette di seta a materiali alternativi tra cui il lattice e la rete elastica effetto guaina. 

 

VADERETRO

Vaderetro è il progetto nato dall’incontro tra Hanna Marine Boyer e Antonio D’Andrea, coppia nella vita e sul lavoro. Il concept “non un marchio ma un’arte di vivere”, racconta un passato che viene di volta in volta riattualizzato attraverso un’estetica effortless e retrò. Fuori dalle logiche del fashion system, ogni collezione è un capitolo a sé, un viaggio nostalgico nel tempo in cui il guardaroba diventa un mezzo per diffondere arte, cultura, estetica genderless e unicità. I capi sono realizzati artigianalmente in Italia con tessuti in gran parte riciclati o di dead stock (altro richiamo al passato, in ottica sostenibile).  Per la collezione autunno-inverno 2021/22 dal titolo “Chapter III - La Bonne Aventure”, il brand si ispira al tema del viaggio e del nomadismo del popolo Rom, la cui stessa identità deriva dall’incontro e dalla fusione tra diverse culture. Il risultato è quello di capi dallo stile eterno che trascendono i trend della moda, gonne lunghe e abiti morbidi, ma anche blazer strutturati e pantaloni larghi stile gangster uniti a pesanti strati di maglieria. 

 

DES_PHEMMES

Siciliano, classe’89, Salvo Rizza ha alle spalle un’importante esperienza nell’ufficio stile di Giambattista Valli a Parigi. Nel 2019, tornato in Italia, dà inizio al progetto DES_PHEMMES. Il brand si rivolge a una donna colta, di carattere, per cui la moda è un bisogno spontaneo e non un adeguamento ai diktat del fashion system. Fuori dalle tendenze stagionali, il marchio propone un’estetica senza tempo che destruttura gli stereotipi legati al concetto di femminilità. La collezione S/S 2021 si chiama “Solleone” e trae ispirazione da “EVIDENCE”, una serie di fotografie di Mona Kuhn in cui l’artista indaga il rapporto tra il corpo, la luce e le ombre. I capi, dalle linee essenziali, giocano con il contrasto tra maschile e femminile, impreziositi da ricami che intrappolano la luce dando forma a geometrie e volumi. L’estetica effortless della collezione lascia spazio anche alle suggestioni paesaggistiche della Sicilia, raccontando tramonti e panorami costieri. Le reti bagnate dei pescatori diventano cascate di gocce Swarovski, il jais sui capi dal gusto maschile ricorda le incrostazioni degli scogli. 

 

ALTRI ARTICOLI